PostHeaderIcon COME COSTRUIRE UNA BATTERIA DI GABBIE

 

Premesso che per me è più facile fare che spiegare, quanto segue si propone l’intento di dare alcuni suggerimenti in merito alla costruzione di una batteria di gabbie dette “all’inglese”.   

Una batteria di gabbie non è altro che una scaffalatura alla quale occorre aggiungere un frontale (se non l’avete si può costruirlo con della rete elettrosaldata) e una cassetta, solitamente di latta, per raccogliere gli escrementi dei volatili.Come materiale per la struttura ho usato del compensato di conifera (leggero ed economico). La batteria può essere con o senza divisorio.   

Prima di tutto occorre “mettersi a tavolino” e delineare un progetto che tenga conto sia dei nostri desideri ma, soprattutto, della sua funzionalità nell’allevamento.   

Ad esempio, per una maggiore pulizia della batteria, ho optato per un sistema che mi permettesse di rimuovere agevolmente i frontali nonché i residui di cibo che fuoriescono dalla cassetta depositandosi sul fondo della gabbia. Per la rimozione del frontale ho pensato di fissarlo alla struttura con viti ad L. Per la pulizia del fondo ho lasciato 1 cm di spazio tra la fodera posteriore e il piano di fondo della gabbia.   Suggerimenti per la costruzione.   

Le misure della struttura derivano dai materiali in vostro possesso ovvero frontali e cassette.   

 

Larghezza interna della singola gabbia: misura della cassetta + mm 3 per il suo scorrimento (detta “aria”). Solitamente le cassette in commercio hanno misure tipo cm 58,2 o 28,2 proprio perché contemplano l’aggiunta di questi 3 mm per lo scorrimento. 

Altezza della singola gabbia: misura del frontale + altezza della cassetta + 5 mm di tolleranza tra frontale e cassetta. Esempio. Frontale di cm 60 L x 40 H – Cassetta alta cm 4: l’altezza sarà la sommatoria di cm 40 + 4 + 0,5= cm 44,5. Per il calcolo dell’altezza dell’intera batteria occorre sommare oltre alle suddette 4 misure interne anche lo spessore dei cinque piani orizzontali.   Poiché non deve sopportare un peso eccessivo è bene, per la stabilità della struttura, che tutti i piani orizzontali siano fissabili dai montanti. Per spiegarmi meglio, il primo e ultimo pianetto orizzontale (il tetto e il fondo dove andranno poi fissati i piedi o le ruote) hanno le stesse misure dei piani intermedi e vanno fissati ai montanti.   

Per quanto riguarda la chiusura posteriore della batteria (fodera) anziché un unico pannello ho tagliato quattro pannelli di compensato di mm 4 di spessore cercando di lasciare cm 1 di spazio dal piano di fondo della gabbia attraverso il quale, con un semplice soffio, si può eliminare la sporcizia che si accumula fuori dalla cassetta. Nella parte alta di ogni fodera ho ritagliato due piccole asole per inserire il porta seppia.   

           

   

Nel caso si volesse inserire un divisorio le soluzioni possono essere molteplici.   Usando i frontali a griglia ho scelto una soluzione a T che mi permette anche di fissare la parte inferiore del frontale.   

    

   

Soluzione alternativa: inserire i frontali all’interno di un telaio da fissare alla struttura.   

Frontale in rete elettrosaldata   

Se si pensa di usare la rete elettrosaldata occorre inserire un righetto di cm 2 (poco sopra la cassetta di latta) per poter fissare e tenere in tensione la parte inferiore del frontale.   

Nel frontale (ed è il lavoro più noioso) ho ritagliato:   

- 2 aperture di cm 10 x cm 10 per il nido e il bagnetto.   

- 1 apertura centrale di cm 13 x cm 12 (sportello di ingresso)   

- 4 aperture di cm 4x cm 5 per le mangiatoie   

- apertura per inserimento beverino.   

   

Per gli sportelli ho utilizzato ritagli della stessa rete. Per le mangiatoie ho acquistato appositi sportellini in vendita dai rivenditori di attrezzature per animali. Per tenere ben saldi i beverini ho usato della cordella elastica acquistata in merceria.   

     

Al termine dell’operazione di ritaglio ho fissato il frontale ai montanti e ai piani con delle viti a L.     

     

In tale maniera si possono smontare agevolmente per la pulizia o la riverniciatura.     

Come appoggio decidete voi se mettere le ruote o dei piedini, entrambi reperibili nelle ferramenta.     

Ecco la gabbia completata.     

     

Queste sono le mie due batterie da cm 55 senza divisorio e la batteria da cm 120 con divisorio.     

      

     

Due ultime raccomandazioni:     

non sempre ciò che è bello è funzionale, ma ciò che è funzionale può anche essere bello;   

non mettete i posatoi troppo vicini al tetto della gabbia.   

     Piero Brasa

I Commenti sono chiusi

Associazioni
Pagine personali
portali